PDA

Visualizza la versione completa : [videogiochi] YAKUZA/RYU GA GOTOKU "Come un drago"



Rattlesnake_276
09-10-2009, 04:55 AM
Fanfic:



L'ideale in cui ho sempre creduto, era il rispetto e l'onore delle mia famiglia.Per generazioni,il nome dei Kazuma, incutè il terrore,nelle strade di Tokyo,dominando con forza i deboli, e mettendo a tacere i nostri, già di per sè provati rivali stanchi dei ripetuti scontri.Al nostro passaggio, instillavamo terrore e un reverenziale rispetto nei cittadini della metropoli.Il nostro obiettivo, era quello di raggiungere il potere usufruendo della forza a qualunque costo. Un paese,non può rimanere in mano a degli inetti, chiunque si frapponesse fra noi, e il potere ,doveva essere neutralizzato,o comunuqe reso inoffensivo. Questo era l'ideale preponderante per cui ci battevamo. Non ero mai stato preda di sensi di colpa o sfiorto da dubbio paure, non avevo mai mostrato esitazioni scrupoli o rimorsi per ciò che avevo fatto nonostante fosse del tutto contrario al senso civile , noi eravamo destinati a detenere l'egemonia sulla città, tutto il resto era secondario. Per quanto male facessi ad altri, ne rimanevo totalomente indifferente, il fine aveva sempre giustificato il mezzo. Fu così che i Kazuma, la mia famiglia, tramite ogni sorta di attività illecita, raggiunsero il vertice dell'impero finaziario, sbaragliando tutta la concorrenza, ogni ostacolo, come il vento spazza via le ultime foglie secche sotto un albero in Autunno. Ervamo i signori incontrastati del mercato, intoccabili, la mano nera del Sol Levante, emersa dal sangue dei nostri nemici. Poi, un giorno ,quella cospirazione, il tradimento in famiglia, l'uccisone di mio padre, il membro più autoritario e venerato della famiglia. Era stato lui mio zio, egli , prese in mano le redini della mia famiglia, non mi uccise ,mi fece pestare a sangue dai suoi scagnozzi un tempo miei uomini, in una delle rimesse di un porto. Sentivo sferrare i loro colpi sopra il mio volto che continuava a far sgorgare copiosamente del sangue dalla mia fronte, sentivo fracassare le mie costole con dei calci ,mi tenevano fermo, sentivo i loro insulti ,i loro sberleffi, eppure non provavo alcun dolore ero un tutt'uno col nulla, solo quando arrivò un colpo ben assestato all'addome,gemetti strozzatamente ,per poi perdere i sensi definitivamente. I manigoldi mi avevano lasciato lì al buio dei riflettori, ormai spenti,dopo aver compiuto la loro opera di disfacimento.quando mi risvegliai, i miei indumenti un tempo costosi,erano impreganti del mio stesso,sangue. Udii il crepitare delle gocce tutt'intorno, battevano con la stessa spietata indifferenza di quando facevo del male a gente inerme,fu allora che provai del dolore immenso, credevo di aver raggiunto la via in realtà,la mia anima aveva imboccato,il sentiero delle demoni di Ashura facendomi sprofondare nell'oblio. Fu allora che mi convinsi di essere stato uno stolto, e che tutto quel sangue versato non era valso a nulla,Io stesso guardandomi incredulo, mi sentivo sporco, e provai ripugnanza per la mia abietta condizione in cui ero sprofondato. Il tatuaggio che portavo sulle spalle iniziò a dolermi violentemente. Il giorno seguente, la polizia di Shinjuku,uno dei bassifondi della mia città, mi aveva trovato,riconoscendomi,colpevole di numerosi crimini, curandomi nel più vicino ospedale,la mia identità venne svelata, ero il figlio dei famigerati Kazuma ,fui processato,e condannato a 10 di carcere. Una volta scontata la mia pena, sentii crescere in me,l'ardente desiderio di vendetta per ciò che la mia famiglia mi aveva fatto, l'avrei fatta pagare a mio zio per l'assassinio di mio padre, non so come ci sarei riuscito ma in me era nata una nuova forza. Mi sentivo come un giovane drago che ascende nei cieli.Dopo anni di cella, ero finalmente fuori, mi ritrovai sulle strada ancora una volta, ma ormai non avevo più nessun controllo, nè su me stesso nè sugli altri, da predatore divenni "inesorabilmente" preda. Senza soldi, senza onore vagavo come un cane randagio nella notte, con la pioggia come mia sola unica alleata, continuava a sfiorarmi il volto, cadeva incessante e silenziosa come era sempre stato, ma avvertivo in lei uno spirito di indulgenza che,entrava nella mia pelle,mi sentivo pervaso nelle vene della sua dirompente energia, ancora una volta,il tatuaggio del dragone si riaccese sulla mia schiena, quasi stesse tornando a nuova vita. Poco distante dal vicolo in cui mi trovavo,scorsi rannicchiata dietro ad una gradinata,una piccola bambina,era in lacrime, suo padre giaceva in una pozza di sangue che si diluiva con l'acqua piovana. Era stato ucciso con 4 proiettili, era riverso con degli ampi fori sulla schiena. Non so chi fossero i mandanti, ma so per certo,anche quell'uomo doveva aver commesso un grave torto per morire in modo così orribile. Cercai di tranquillizzare la piccola, la quale vedendomi iniziò a gridare e a muoversi convulsamente nel vano tentativo di scacciarmi. Fermai le sue braccia,la guardai in volto,i suoi occhi languidi così compassionevoli,mi fecero tenerezza.Ancora una volta,mi sentii come un dragone che raggiunge il sontuoso tempio del cielo. Decisi di allevarla,divenni Io suo padre adottivo. Pe nulla al mondo avrei mai permesso che me la portassero via, non so di chi era figlia ma finalmente conobbi la ragione di vita che mi spinse a combattere,non per distruggere questa volta, bensì per proteggere. Fu allora che la mia rinascita fu compiuta, avrei aiutato la piccola a vendicarsi, l'avrei protetta da ogni pericolo solo così facendo lo spirito guida del dragone Doujima sarebbe entrato in me guidandomi, riconoscendomi,come un suo pari, come un "drago".



TRAILER: (gameplay accluso)



http://www.gametrailers.com/pl...d=...ype=wmv&pl=game (http://www.gametrailers.com/player.php?id=...ype=wmv&pl=game)



L'aggressiva Sega è pronta a tornare ai fasti di un tempo con il suo Yakuza, uscito nel Settembre 2006 in Giappone con lo pseudonimo di Ryu Ga Gotoku, letteralmente, (come un dragone), cambierà più volte titolo per la traduzione negli states. Dapprima soprannominato Way of the Dragon. Dagli stessi autori del capolavoro indiscusso Shenmue, ecco il gioco che ruota attorno alla tematica della mano nera. Gli Yakuza,una delle più potenti associazioni nipponiche del crimine. Recentemente surclassati dalla Triade cinese gli Yakuza sono soliti applicare in tutto il corpo o anche solo parzialmente a seconda del loro "status sociale" tatuaggi di animali "mitici" per la loro cultura,questo sostanzialemnte per due motivi:

1) atterrire e farsi rispettare. E' tradizione nel Giappone attuale che chiunque porti dei tatuaggi, non sia del tutto una persona "raccomandabile" e la gente comune preferisce stargli alla larga.


2) Gli Yakuza sono convinti,che tatuandosi possano,in qualche modo, far propri e unire alla loro energia, gli spiriti di animali mitologici fra cui: la tigre: che rappresenta l'aggressività e il coraggio,il dragone: la forma più algida di spiritualità la quale fluttua nell'etere poichè si è liberata da ogni contesto di "materialismo" lasciando il posto a valori che trascendono la natura umana, divenire quasi delle divinità, il dragone rappresenta anche il desiderio che hanno i capi di affermarsi sugli altri e la loro volonta nel comando,e infine il serpente:il quale rappresenta l'intelligenza,l'acume e in ultimo, ma non di meno importante, la potenza virile.



Nella simbologia Yakuza,questi esseri hanno la facoltà di incrementare il KI (l'energia interiore) e in qualche modo, una volta assimilato il loro potere, proteggono chi li possiede divenendo una sorta di spirito guida.



Il gioco fonde in sè tre disparati stili:
- Beatdown nel combattimento
-GTA nell'esplorazione
-infine il celeberrimo Shenmue per quel che riguarda,e concerne l'interazione nelle ambientazioni e con i personaggi.



Sito ufficiale del gioco (giapponese)


http://ryu-ga-gotoku.com/


Sito ufficiale del gioco (italiano)


http://www.sega.com/yakuza/en/main.html



(cliccate sulle musiche in alto a sinistra per scorrerle ).



Cover ver. Japp

http://images-jp.amazon.com/images/P/B000BDEJBW.09.LZZZZZZZ.jpg



Cover ver. Pal (simil-Tekken)



http://www.aussiegamer.com.au/...s/lrg_A1YAKUZA-B.jpg (http://www.aussiegamer.com.au/catalog/images/boxshots/lrg_A1YAKUZA-B.jpg)


Per il doppiaggio di questo impareggiabile titolo, acclamato persino da Famitsu con valutazioni da capogiro, nel cast spiccano celebri nomi fra cui:


- Michael Rosenbaum (Smallville) Nishiki

- Michael Madsen (Le iene, Kill Bill, Sin City) Shimano

- Eliza Dushku (Buffy the Vampire Slayer, Bring It On) Yumi

- Rachel Leigh Cook (She's All That) Reina

- Mark Hamill (Star Wars, Batman: New Times) Majima



Pare proprio che alla Sega abbiano fatto le cose in grande difatti Yakuza si attesterà come uno dei migliori giochi Autunnali una gradita sorpresa.


RECENSIONE:


La prima volta che sentii,parlare di Yakuza ,mi venne il presentimento che fosse destinato a divenire una svolta una innovazione,nel mondo dei videogames. Immaginate una trama di taglio cinematografico senza precedenti. Una storia di violenza,e sangue,dietro la quale si fonda l'ideale dell'onore non lo stesso onore che tutti noi intendiamo,un onore che sorge dal rimorso,dalla tristezza e dall'accettazione nello spirito di sacrificio verso il proprio signore o sentimenti più grandi come: amicizia,amore e il rispetto dei propri cari tali emozioni possono provarle persino gente che un cittadino comune etichetterebbew come semplici "criminali" la feccia della società. Questo gioco insegna che può esserci un senso, un valore anche nelle loro vite tutto ciò è Yakuza.

Il gioco ha il selettore delle frequenze video,consiglio a tutti i 60hz perchè rende veramente al meglio nel gioco. Fra le opzioni è disponibile inoltre l'estensione dello schermo e il selettore dei sottotitoli nelle varie lingue europee.Non è in alcun possibile cambiare il parlato.

Dal filmato,si possono intendere moltissime cose il gioco è strutturato in 14 avvincenti capitoli adrenalinici quanto basta. La qualità dei video,l'ho trovata ottima pe runa ps2 tanto la fluidità quanto la luminosità di ciascuno, un encomio a Sega,va alle rimarchevoli animazioni facciali nei video.L'emotion engine della console è stato sfruttato adeguatamente. E'da notare soprattutto nelle espressioni di rabbia o nelle smorfie di dolore,dei personaggi. Come ho già avuto modo di dire,iniziando l'avventura con la prima missione, che poi rappresenta un mini tutorial per muovere i primi passi nel gioco familiarizzando con i controlli basilari, si inizia a parlare di gameplay vero e proprio del gioco.

Dopo l'impatto visivo fra il video e grafica che non può assolutamente reggere il confronto di una ps3 può apparire decisamente scarna. Gli ambienti sono interamente tridimensionali sia negli interni che però hanno dei limiti tecnici, in alcuni casi,appariscenti, specie ,in ambienti angusti ,che negli esterni in cui il gioco tutte le sue potenzialità. Nei primi controlli il protagonista risulta impacciato vi è solo una serie di combo possibili eseguibili e in queste, la legnosità delle animazioni non aiuta minimamente. Come se non bastasse gli avversari non attaccano,,ma si muovono in modo convulso attendendo di essere colpiti. Un branco di babbuini ubriachi sarebbe stato capace di rendersi più offensivo. Tuttavia questo è solo ciò che prevedeil tutorial, le apparenze possono trarre in inganno.Il tocco degli sviluppatori di Shenmue c'è ma non è preminente,questo è dovuto perchè si ha sì la facoltà di interagire con ogni singola :mobilia o succedanei il che lo rende veramente strepitoso perchè innesca una serie di mosse speciali analoghe a quelle viste in Beatdown e Beatdown Vengeance,però questo vale unicamente durante le fasi del combattimento per il resto l'interattività è fortemente limitata a negozi,ed edifici (sebbene sia il lato interessante del gioco ) sono pur sempre scelte lineari. Inoltre gli shops sono accessibili, soltanto in alcune fasi del giorno non sempre e avrete modo di valutarlo voi stessi giocandoci.

Passiamo ora al vocale dei dialoghi,è decisamente tutto un susseguirsi di mothafakka,fuc*up,shutt your mouth (menzione d'onore a Smackdown) e altri barriti, richiami di muflone in amore, mostruosi rantoli e aberrazioni simili emessi dalle entità partorite dalla penna del genio di Lovecraft . http://emailer.it.ubi.com/crm/smiles/biggrinsalt.gif Ad ogni modo, da questo frangente la cosa veramente esilarante è vedere dei japan B-boy vestiti come delle gang di colore dell'east coast venirti a rompere le scatole in strada.

Altro dettaglio fondamentale nei combattimenti multipli è la linea di sega adottata negli indimenticabili Street of Rage nonchè Final Fight, con tanto di barre di energia accluse.Proseguendo nel gioco, si possono potenziare le
proprie facoltà,e sse,si suddividono in tre categorie distinte:

Shin (spirito,o energia combattiva)


Gi (rapidità,agilità nei movimenti)


Tai ( energia vitale)

Questi parametri sono del tutto incrementabili, accumulando punti esperienza. Vi sono diversi modi per farlo: dal semplice combattere,c he però a livelli più alti diverrà più faticoso, allo scovare segreti e portare a termine sotto-missioni.Fatto ciò si potràa cquisire nuove mosse che renderanno il protagonista un temibile avversario nonchè più spietato e cattivo di quanto possiate immaginare.


Veniamo adesso all'interazione con gli ambienti,molto lineare come ho già avuto modo di dire. Si va dal classico minimarket, passando dalla salagiochi,casinò di lusso, bische clandestine, arene di lotta, non disdegnando neppure il locale di strip-tease,nonchè DULCIS IN FUNDO il bordello più peccaminoso ,nei quali però si interagisce poco o nulla con le afrodisiache bellezze del locale. poi vi sono gli Hostess Club, frequentati dalle "idols" ( le modelle giapponesi) a vedersi sono tutte delle bamboline,lo scopo negli Hostess club,è quello, di cuccare una di queste nei modi più classici: facendo dei regali, oppure rispondendo a delle domandine che la subdola vi farà, proprio per testare la vostra affinità con lei. Durante questo mini-game vi sarà un indicatore che misurerà quanti cuori conquisterete pian piano,sarà lei ad invitarvi nel locale con più insistenza arrivando ad inviarvi persino dei messaggini mirati allo scardinare come un bulldoozer il vostro self control con la castità. http://emailer.it.ubi.com/crm/smiles/biggrinsalt.gif Una volta raggiunta quota 10 l'agognata pulzella,cadrà fra le vostre braccia e potrete disporne come meglio crediate. Tuttavia il tutto lascerà molto spazio all'immaginazione,una volta che diverrà la vostra ragazza, si eclisserà nell'ombra incontrandovi esclusivamente nel locale.
la mia consumava più di una lamborghini diablo. http://emailer.it.ubi.com/crm/smiles/sisi2.gif

L'idea dei combattimenti urbani è ottima, se però non si eccede in questi. Purtroppo parlando di difetti del gioco,è proprio la monotonia degli scontri fra Yakuza, teppisti oppure pagliacci in costume, a che punto si può spingere la follia giappo? Anche se il problema è tranquillamente ovviabile basterà semplicemente non fermarsi e continuare a correre evitando coloro che con fare poco cortese faranno delle allusioni alla vostra santa mamma. Tuttavia gli scontri casuali sono necessari se si vuole acquistare esperienza e Yen questa,forse,l'ho reputata una delle pecche principali del gioco.


Discorso armi: tantissime,Yakuza per questi aspetti si avvicina moltissimo alla filosofia di Forbidden Siren, ovvero tutto ciò che si può raccogliere si può anche utilizzare conseguentemente come un' arma.Si spazia dalla semplice cassetta di frutta, alla pistola semi-automatica che però ha la peculiarità,di avere un solo colpo, onore dunquea alle armi "bianche" come : mazze d'ogni genere,katane (potevano forse mancare in un gioco per samurai? ) da quella in legno i quercia a quella del più pregevole acciaio a coltelli di ogni tipo. Il gioco comunque predilige il combattimento corpo a corpo ma nessuno potrà impedirvi durante l'azione (semmai foste presi dallo psicopatico desiderio di massacrare i vostri nemici a suon di fendenti e stoccate di usare anche metodi poco ortodossi LoL) .^^


Veramente inutile,che vi parli della trama ineccepibile in tutte le sue accezioni i due amici fratelli di sangue,destinati allo scontro finale e STOP,non voglio spoilerare altro.

Concludendo, un'esperienza di gioco unica, indipendentemente dalle terminologie adottate e la scurrilità del linguaggio. Consigliato a chi ama emozioni forti e durevoli, per taluni Yakuza è la scelta ideale. Signori inchinatevi all'Oyabun (signore del clan della famiglia) degli action-adventures il tatuaggio del drago brilla in tutta la sua energia in questo gioco ne sentirete scorrere il suo potere,soltanto una volta giocatoci, apprendendo la vera via dell'onore!

Rattlesnake_276
09-10-2009, 04:55 AM
Fanfic:



L'ideale in cui ho sempre creduto, era il rispetto e l'onore delle mia famiglia.Per generazioni,il nome dei Kazuma, incutè il terrore,nelle strade di Tokyo,dominando con forza i deboli, e mettendo a tacere i nostri, già di per sè provati rivali stanchi dei ripetuti scontri.Al nostro passaggio, instillavamo terrore e un reverenziale rispetto nei cittadini della metropoli.Il nostro obiettivo, era quello di raggiungere il potere usufruendo della forza a qualunque costo. Un paese,non può rimanere in mano a degli inetti, chiunque si frapponesse fra noi, e il potere ,doveva essere neutralizzato,o comunuqe reso inoffensivo. Questo era l'ideale preponderante per cui ci battevamo. Non ero mai stato preda di sensi di colpa o sfiorto da dubbio paure, non avevo mai mostrato esitazioni scrupoli o rimorsi per ciò che avevo fatto nonostante fosse del tutto contrario al senso civile , noi eravamo destinati a detenere l'egemonia sulla città, tutto il resto era secondario. Per quanto male facessi ad altri, ne rimanevo totalomente indifferente, il fine aveva sempre giustificato il mezzo. Fu così che i Kazuma, la mia famiglia, tramite ogni sorta di attività illecita, raggiunsero il vertice dell'impero finaziario, sbaragliando tutta la concorrenza, ogni ostacolo, come il vento spazza via le ultime foglie secche sotto un albero in Autunno. Ervamo i signori incontrastati del mercato, intoccabili, la mano nera del Sol Levante, emersa dal sangue dei nostri nemici. Poi, un giorno ,quella cospirazione, il tradimento in famiglia, l'uccisone di mio padre, il membro più autoritario e venerato della famiglia. Era stato lui mio zio, egli , prese in mano le redini della mia famiglia, non mi uccise ,mi fece pestare a sangue dai suoi scagnozzi un tempo miei uomini, in una delle rimesse di un porto. Sentivo sferrare i loro colpi sopra il mio volto che continuava a far sgorgare copiosamente del sangue dalla mia fronte, sentivo fracassare le mie costole con dei calci ,mi tenevano fermo, sentivo i loro insulti ,i loro sberleffi, eppure non provavo alcun dolore ero un tutt'uno col nulla, solo quando arrivò un colpo ben assestato all'addome,gemetti strozzatamente ,per poi perdere i sensi definitivamente. I manigoldi mi avevano lasciato lì al buio dei riflettori, ormai spenti,dopo aver compiuto la loro opera di disfacimento.quando mi risvegliai, i miei indumenti un tempo costosi,erano impreganti del mio stesso,sangue. Udii il crepitare delle gocce tutt'intorno, battevano con la stessa spietata indifferenza di quando facevo del male a gente inerme,fu allora che provai del dolore immenso, credevo di aver raggiunto la via in realtà,la mia anima aveva imboccato,il sentiero delle demoni di Ashura facendomi sprofondare nell'oblio. Fu allora che mi convinsi di essere stato uno stolto, e che tutto quel sangue versato non era valso a nulla,Io stesso guardandomi incredulo, mi sentivo sporco, e provai ripugnanza per la mia abietta condizione in cui ero sprofondato. Il tatuaggio che portavo sulle spalle iniziò a dolermi violentemente. Il giorno seguente, la polizia di Shinjuku,uno dei bassifondi della mia città, mi aveva trovato,riconoscendomi,colpevole di numerosi crimini, curandomi nel più vicino ospedale,la mia identità venne svelata, ero il figlio dei famigerati Kazuma ,fui processato,e condannato a 10 di carcere. Una volta scontata la mia pena, sentii crescere in me,l'ardente desiderio di vendetta per ciò che la mia famiglia mi aveva fatto, l'avrei fatta pagare a mio zio per l'assassinio di mio padre, non so come ci sarei riuscito ma in me era nata una nuova forza. Mi sentivo come un giovane drago che ascende nei cieli.Dopo anni di cella, ero finalmente fuori, mi ritrovai sulle strada ancora una volta, ma ormai non avevo più nessun controllo, nè su me stesso nè sugli altri, da predatore divenni "inesorabilmente" preda. Senza soldi, senza onore vagavo come un cane randagio nella notte, con la pioggia come mia sola unica alleata, continuava a sfiorarmi il volto, cadeva incessante e silenziosa come era sempre stato, ma avvertivo in lei uno spirito di indulgenza che,entrava nella mia pelle,mi sentivo pervaso nelle vene della sua dirompente energia, ancora una volta,il tatuaggio del dragone si riaccese sulla mia schiena, quasi stesse tornando a nuova vita. Poco distante dal vicolo in cui mi trovavo,scorsi rannicchiata dietro ad una gradinata,una piccola bambina,era in lacrime, suo padre giaceva in una pozza di sangue che si diluiva con l'acqua piovana. Era stato ucciso con 4 proiettili, era riverso con degli ampi fori sulla schiena. Non so chi fossero i mandanti, ma so per certo,anche quell'uomo doveva aver commesso un grave torto per morire in modo così orribile. Cercai di tranquillizzare la piccola, la quale vedendomi iniziò a gridare e a muoversi convulsamente nel vano tentativo di scacciarmi. Fermai le sue braccia,la guardai in volto,i suoi occhi languidi così compassionevoli,mi fecero tenerezza.Ancora una volta,mi sentii come un dragone che raggiunge il sontuoso tempio del cielo. Decisi di allevarla,divenni Io suo padre adottivo. Pe nulla al mondo avrei mai permesso che me la portassero via, non so di chi era figlia ma finalmente conobbi la ragione di vita che mi spinse a combattere,non per distruggere questa volta, bensì per proteggere. Fu allora che la mia rinascita fu compiuta, avrei aiutato la piccola a vendicarsi, l'avrei protetta da ogni pericolo solo così facendo lo spirito guida del dragone Doujima sarebbe entrato in me guidandomi, riconoscendomi,come un suo pari, come un "drago".



TRAILER: (gameplay accluso)



http://www.gametrailers.com/pl...d=...ype=wmv&pl=game (http://www.gametrailers.com/player.php?id=...ype=wmv&pl=game)



L'aggressiva Sega è pronta a tornare ai fasti di un tempo con il suo Yakuza, uscito nel Settembre 2006 in Giappone con lo pseudonimo di Ryu Ga Gotoku, letteralmente, (come un dragone), cambierà più volte titolo per la traduzione negli states. Dapprima soprannominato Way of the Dragon. Dagli stessi autori del capolavoro indiscusso Shenmue, ecco il gioco che ruota attorno alla tematica della mano nera. Gli Yakuza,una delle più potenti associazioni nipponiche del crimine. Recentemente surclassati dalla Triade cinese gli Yakuza sono soliti applicare in tutto il corpo o anche solo parzialmente a seconda del loro "status sociale" tatuaggi di animali "mitici" per la loro cultura,questo sostanzialemnte per due motivi:

1) atterrire e farsi rispettare. E' tradizione nel Giappone attuale che chiunque porti dei tatuaggi, non sia del tutto una persona "raccomandabile" e la gente comune preferisce stargli alla larga.


2) Gli Yakuza sono convinti,che tatuandosi possano,in qualche modo, far propri e unire alla loro energia, gli spiriti di animali mitologici fra cui: la tigre: che rappresenta l'aggressività e il coraggio,il dragone: la forma più algida di spiritualità la quale fluttua nell'etere poichè si è liberata da ogni contesto di "materialismo" lasciando il posto a valori che trascendono la natura umana, divenire quasi delle divinità, il dragone rappresenta anche il desiderio che hanno i capi di affermarsi sugli altri e la loro volonta nel comando,e infine il serpente:il quale rappresenta l'intelligenza,l'acume e in ultimo, ma non di meno importante, la potenza virile.



Nella simbologia Yakuza,questi esseri hanno la facoltà di incrementare il KI (l'energia interiore) e in qualche modo, una volta assimilato il loro potere, proteggono chi li possiede divenendo una sorta di spirito guida.



Il gioco fonde in sè tre disparati stili:
- Beatdown nel combattimento
-GTA nell'esplorazione
-infine il celeberrimo Shenmue per quel che riguarda,e concerne l'interazione nelle ambientazioni e con i personaggi.



Sito ufficiale del gioco (giapponese)


http://ryu-ga-gotoku.com/


Sito ufficiale del gioco (italiano)


http://www.sega.com/yakuza/en/main.html



(cliccate sulle musiche in alto a sinistra per scorrerle ).



Cover ver. Japp

http://images-jp.amazon.com/images/P/B000BDEJBW.09.LZZZZZZZ.jpg



Cover ver. Pal (simil-Tekken)



http://www.aussiegamer.com.au/...s/lrg_A1YAKUZA-B.jpg (http://www.aussiegamer.com.au/catalog/images/boxshots/lrg_A1YAKUZA-B.jpg)


Per il doppiaggio di questo impareggiabile titolo, acclamato persino da Famitsu con valutazioni da capogiro, nel cast spiccano celebri nomi fra cui:


- Michael Rosenbaum (Smallville) Nishiki

- Michael Madsen (Le iene, Kill Bill, Sin City) Shimano

- Eliza Dushku (Buffy the Vampire Slayer, Bring It On) Yumi

- Rachel Leigh Cook (She's All That) Reina

- Mark Hamill (Star Wars, Batman: New Times) Majima



Pare proprio che alla Sega abbiano fatto le cose in grande difatti Yakuza si attesterà come uno dei migliori giochi Autunnali una gradita sorpresa.


RECENSIONE:


La prima volta che sentii,parlare di Yakuza ,mi venne il presentimento che fosse destinato a divenire una svolta una innovazione,nel mondo dei videogames. Immaginate una trama di taglio cinematografico senza precedenti. Una storia di violenza,e sangue,dietro la quale si fonda l'ideale dell'onore non lo stesso onore che tutti noi intendiamo,un onore che sorge dal rimorso,dalla tristezza e dall'accettazione nello spirito di sacrificio verso il proprio signore o sentimenti più grandi come: amicizia,amore e il rispetto dei propri cari tali emozioni possono provarle persino gente che un cittadino comune etichetterebbew come semplici "criminali" la feccia della società. Questo gioco insegna che può esserci un senso, un valore anche nelle loro vite tutto ciò è Yakuza.

Il gioco ha il selettore delle frequenze video,consiglio a tutti i 60hz perchè rende veramente al meglio nel gioco. Fra le opzioni è disponibile inoltre l'estensione dello schermo e il selettore dei sottotitoli nelle varie lingue europee.Non è in alcun possibile cambiare il parlato.

Dal filmato,si possono intendere moltissime cose il gioco è strutturato in 14 avvincenti capitoli adrenalinici quanto basta. La qualità dei video,l'ho trovata ottima pe runa ps2 tanto la fluidità quanto la luminosità di ciascuno, un encomio a Sega,va alle rimarchevoli animazioni facciali nei video.L'emotion engine della console è stato sfruttato adeguatamente. E'da notare soprattutto nelle espressioni di rabbia o nelle smorfie di dolore,dei personaggi. Come ho già avuto modo di dire,iniziando l'avventura con la prima missione, che poi rappresenta un mini tutorial per muovere i primi passi nel gioco familiarizzando con i controlli basilari, si inizia a parlare di gameplay vero e proprio del gioco.

Dopo l'impatto visivo fra il video e grafica che non può assolutamente reggere il confronto di una ps3 può apparire decisamente scarna. Gli ambienti sono interamente tridimensionali sia negli interni che però hanno dei limiti tecnici, in alcuni casi,appariscenti, specie ,in ambienti angusti ,che negli esterni in cui il gioco tutte le sue potenzialità. Nei primi controlli il protagonista risulta impacciato vi è solo una serie di combo possibili eseguibili e in queste, la legnosità delle animazioni non aiuta minimamente. Come se non bastasse gli avversari non attaccano,,ma si muovono in modo convulso attendendo di essere colpiti. Un branco di babbuini ubriachi sarebbe stato capace di rendersi più offensivo. Tuttavia questo è solo ciò che prevedeil tutorial, le apparenze possono trarre in inganno.Il tocco degli sviluppatori di Shenmue c'è ma non è preminente,questo è dovuto perchè si ha sì la facoltà di interagire con ogni singola :mobilia o succedanei il che lo rende veramente strepitoso perchè innesca una serie di mosse speciali analoghe a quelle viste in Beatdown e Beatdown Vengeance,però questo vale unicamente durante le fasi del combattimento per il resto l'interattività è fortemente limitata a negozi,ed edifici (sebbene sia il lato interessante del gioco ) sono pur sempre scelte lineari. Inoltre gli shops sono accessibili, soltanto in alcune fasi del giorno non sempre e avrete modo di valutarlo voi stessi giocandoci.

Passiamo ora al vocale dei dialoghi,è decisamente tutto un susseguirsi di mothafakka,fuc*up,shutt your mouth (menzione d'onore a Smackdown) e altri barriti, richiami di muflone in amore, mostruosi rantoli e aberrazioni simili emessi dalle entità partorite dalla penna del genio di Lovecraft . http://emailer.it.ubi.com/crm/smiles/biggrinsalt.gif Ad ogni modo, da questo frangente la cosa veramente esilarante è vedere dei japan B-boy vestiti come delle gang di colore dell'east coast venirti a rompere le scatole in strada.

Altro dettaglio fondamentale nei combattimenti multipli è la linea di sega adottata negli indimenticabili Street of Rage nonchè Final Fight, con tanto di barre di energia accluse.Proseguendo nel gioco, si possono potenziare le
proprie facoltà,e sse,si suddividono in tre categorie distinte:

Shin (spirito,o energia combattiva)


Gi (rapidità,agilità nei movimenti)


Tai ( energia vitale)

Questi parametri sono del tutto incrementabili, accumulando punti esperienza. Vi sono diversi modi per farlo: dal semplice combattere,c he però a livelli più alti diverrà più faticoso, allo scovare segreti e portare a termine sotto-missioni.Fatto ciò si potràa cquisire nuove mosse che renderanno il protagonista un temibile avversario nonchè più spietato e cattivo di quanto possiate immaginare.


Veniamo adesso all'interazione con gli ambienti,molto lineare come ho già avuto modo di dire. Si va dal classico minimarket, passando dalla salagiochi,casinò di lusso, bische clandestine, arene di lotta, non disdegnando neppure il locale di strip-tease,nonchè DULCIS IN FUNDO il bordello più peccaminoso ,nei quali però si interagisce poco o nulla con le afrodisiache bellezze del locale. poi vi sono gli Hostess Club, frequentati dalle "idols" ( le modelle giapponesi) a vedersi sono tutte delle bamboline,lo scopo negli Hostess club,è quello, di cuccare una di queste nei modi più classici: facendo dei regali, oppure rispondendo a delle domandine che la subdola vi farà, proprio per testare la vostra affinità con lei. Durante questo mini-game vi sarà un indicatore che misurerà quanti cuori conquisterete pian piano,sarà lei ad invitarvi nel locale con più insistenza arrivando ad inviarvi persino dei messaggini mirati allo scardinare come un bulldoozer il vostro self control con la castità. http://emailer.it.ubi.com/crm/smiles/biggrinsalt.gif Una volta raggiunta quota 10 l'agognata pulzella,cadrà fra le vostre braccia e potrete disporne come meglio crediate. Tuttavia il tutto lascerà molto spazio all'immaginazione,una volta che diverrà la vostra ragazza, si eclisserà nell'ombra incontrandovi esclusivamente nel locale.
la mia consumava più di una lamborghini diablo. http://emailer.it.ubi.com/crm/smiles/sisi2.gif

L'idea dei combattimenti urbani è ottima, se però non si eccede in questi. Purtroppo parlando di difetti del gioco,è proprio la monotonia degli scontri fra Yakuza, teppisti oppure pagliacci in costume, a che punto si può spingere la follia giappo? Anche se il problema è tranquillamente ovviabile basterà semplicemente non fermarsi e continuare a correre evitando coloro che con fare poco cortese faranno delle allusioni alla vostra santa mamma. Tuttavia gli scontri casuali sono necessari se si vuole acquistare esperienza e Yen questa,forse,l'ho reputata una delle pecche principali del gioco.


Discorso armi: tantissime,Yakuza per questi aspetti si avvicina moltissimo alla filosofia di Forbidden Siren, ovvero tutto ciò che si può raccogliere si può anche utilizzare conseguentemente come un' arma.Si spazia dalla semplice cassetta di frutta, alla pistola semi-automatica che però ha la peculiarità,di avere un solo colpo, onore dunquea alle armi "bianche" come : mazze d'ogni genere,katane (potevano forse mancare in un gioco per samurai? ) da quella in legno i quercia a quella del più pregevole acciaio a coltelli di ogni tipo. Il gioco comunque predilige il combattimento corpo a corpo ma nessuno potrà impedirvi durante l'azione (semmai foste presi dallo psicopatico desiderio di massacrare i vostri nemici a suon di fendenti e stoccate di usare anche metodi poco ortodossi LoL) .^^


Veramente inutile,che vi parli della trama ineccepibile in tutte le sue accezioni i due amici fratelli di sangue,destinati allo scontro finale e STOP,non voglio spoilerare altro.

Concludendo, un'esperienza di gioco unica, indipendentemente dalle terminologie adottate e la scurrilità del linguaggio. Consigliato a chi ama emozioni forti e durevoli, per taluni Yakuza è la scelta ideale. Signori inchinatevi all'Oyabun (signore del clan della famiglia) degli action-adventures il tatuaggio del drago brilla in tutta la sua energia in questo gioco ne sentirete scorrere il suo potere,soltanto una volta giocatoci, apprendendo la vera via dell'onore!