PDA

Visualizza la versione completa : Cosa significa "un gioco per PC"?



Ubi-Alien
06-14-2017, 03:26 PM
https://ubistatic19-a.akamaihd.net/ubicomstatic/en-GB/news/BB_01_632X356_293867.jpg

[Cosa significa "un gioco per PC"? La risposta corretta è "titolo che si può giocare su personal computer", ma sappiamo tutti che la domanda in realtà nasconde più di una risposta.

"Un gioco per PC" significa spingere il più moderno hardware al limite, espandere la libertà di scelta, aggiungere un po' di te stesso a ciò che stai giocando.]



Questo è solo un estratto da questa intervista al team di sviluppo, potete leggere l'articolo completo tramite questo post (http://forums.ubi.com/showthread.php/1688152) (per ora in inglese).

S.V.
06-14-2017, 07:51 PM
ahh che bel tema caldo....
Da Pcista sai quanti giochi per PC, o meglio, versioni PC ho visto tarate, col freno tirato e mal ottimizzate?
La speranza è che questi tempi stiano finendo.

Shamano
06-14-2017, 08:41 PM
Allora, questa è una domanda che raramente sento fare, ed è effettivamente una domanda azzeccata. Rispondo da utente e da sviluppatore.

Come utente, mi aspetto che visti gli sforzi (di tempo, di manutenzione ma anche economici) per mantenere il PC performante vengano ripagati da dei videogiochi che rispettino una serie di cose: un comparto grafico estremamente all'avanguardia da far girare sulla mia GTX 1080 Ti, Intel i7, 32 GB di ram, monitor curvo 4k eccetera. Mi aspetto inoltre che il gioco sia granitico sui 60fps, che non abbia nessun bug, che usi le DirectX 12, che abbia un comparto sonoro da oscar per far suonare come si deve il dolby surround, eccetera. Tutto vero eh, alzi la mano chi dice di no.

Da sviluppatore, le cose stanno in modo totalmente differente. Tenendo fermi i concetti che ci siamo detti prima, fare il delivering di tutte queste cose è estremamente difficile, a volte quasi impossibile per i giochi incredibilmente grandi, a meno di non lavorare con 700 persone allo stesso gioco. E qui faccio un po' di cultura, per quelli che criticano a prescindere un prodotto.
C'è da considerare che, a differenza delle console, il PC ha un'estrema varietà di forme, dimensioni, configurazioni diverse. Potremmo dire che ogni computer è unico. La sfida (irrealistica q.b.) dello sviluppatore è riuscire a far girare lo stesso gioco su tutti i possibili computer esistenti sulla terra. Sui processori AMD (tutti), su quelli Intel (tutti), con tutte le configurazioni possibili di Ram (4/8/16/32GB), tutte le schede video del pianeta (sono un numero spropositato) con i propri driver. E tutto questo deve girare su Windows, ma mica uno solo: Win7 home/pro (x86 e x64), Win8 home e pro (x86 e x64), Win 8.1 home/pro (x86 e x64), Win10 home/pro e via andare. Ulteriore fatto da tenere in considerazione, è che l'utente potrebbe avere sia programmi che periferiche che mandano in vacca tutto il lavoro fatto per rendere quel gioco il più possibile compatibile con tutte le piattaforme hardware e software del pianeta. Per esempio basta anche solo una dll fuori posto o della versione sbagliata (invento, la 3.2.1.1 invece che la 3.2.1.2) che il nostro gioco crasherà irrimediabilmente, e bisogna prevedere anche quello. Un altro esempio può essere che fino al giorno prima il nostro gioco funzionava, poi l'utente ha installato un software per ricette di cucina, l'installazione va a modificare una dll di sistema che è usata anche dal nostro gioco, et voilà, il disastro è servito. Vi ritroverete a saper cucinare benissimo la coda alla vaccinara ma di far partire il nostro gioco non c'è verso.
Programmare su PC è un lavoro faticoso, duro, massacrante per la mole incredibile di variabili in gioco. Ma quando gira tutto a meraviglia la soddisfazione è enorme, per l'utente che non si aspetta altro, e per gli sviluppatori, che sanno di aver dato il massimo per creare un prodotto eccellente :)

S.V.
06-15-2017, 09:01 AM
Giusto Gigi, ma la tendenza a volte è quella di lanciare versioni PC con pressapochismo, dove "volutamente" ci si lavora meno perché comunque le vendite sono pur sempre inferiori a quelle su console.

Andrea_Sara07
12-31-2017, 11:58 AM
Dottor Luigi,ciò che voi scriveste fù vangelo mio caro :D

F1avio1974
04-20-2018, 02:58 PM
Da tecnico informatico, non chè appassionato di giochi, non potevi scrivere riflessione migliore!!

F1avio1974
04-20-2018, 02:59 PM
Allora, questa è una domanda che raramente sento fare, ed è effettivamente una domanda azzeccata. Rispondo da utente e da sviluppatore.

Come utente, mi aspetto che visti gli sforzi (di tempo, di manutenzione ma anche economici) per mantenere il PC performante vengano ripagati da dei videogiochi che rispettino una serie di cose: un comparto grafico estremamente all'avanguardia da far girare sulla mia GTX 1080 Ti, Intel i7, 32 GB di ram, monitor curvo 4k eccetera. Mi aspetto inoltre che il gioco sia granitico sui 60fps, che non abbia nessun bug, che usi le DirectX 12, che abbia un comparto sonoro da oscar per far suonare come si deve il dolby surround, eccetera. Tutto vero eh, alzi la mano chi dice di no.

Da sviluppatore, le cose stanno in modo totalmente differente. Tenendo fermi i concetti che ci siamo detti prima, fare il delivering di tutte queste cose è estremamente difficile, a volte quasi impossibile per i giochi incredibilmente grandi, a meno di non lavorare con 700 persone allo stesso gioco. E qui faccio un po' di cultura, per quelli che criticano a prescindere un prodotto.
C'è da considerare che, a differenza delle console, il PC ha un'estrema varietà di forme, dimensioni, configurazioni diverse. Potremmo dire che ogni computer è unico. La sfida (irrealistica q.b.) dello sviluppatore è riuscire a far girare lo stesso gioco su tutti i possibili computer esistenti sulla terra. Sui processori AMD (tutti), su quelli Intel (tutti), con tutte le configurazioni possibili di Ram (4/8/16/32GB), tutte le schede video del pianeta (sono un numero spropositato) con i propri driver. E tutto questo deve girare su Windows, ma mica uno solo: Win7 home/pro (x86 e x64), Win8 home e pro (x86 e x64), Win 8.1 home/pro (x86 e x64), Win10 home/pro e via andare. Ulteriore fatto da tenere in considerazione, è che l'utente potrebbe avere sia programmi che periferiche che mandano in vacca tutto il lavoro fatto per rendere quel gioco il più possibile compatibile con tutte le piattaforme hardware e software del pianeta. Per esempio basta anche solo una dll fuori posto o della versione sbagliata (invento, la 3.2.1.1 invece che la 3.2.1.2) che il nostro gioco crasherà irrimediabilmente, e bisogna prevedere anche quello. Un altro esempio può essere che fino al giorno prima il nostro gioco funzionava, poi l'utente ha installato un software per ricette di cucina, l'installazione va a modificare una dll di sistema che è usata anche dal nostro gioco, et voilà, il disastro è servito. Vi ritroverete a saper cucinare benissimo la coda alla vaccinara ma di far partire il nostro gioco non c'è verso.
Programmare su PC è un lavoro faticoso, duro, massacrante per la mole incredibile di variabili in gioco. Ma quando gira tutto a meraviglia la soddisfazione è enorme, per l'utente che non si aspetta altro, e per gli sviluppatori, che sanno di aver dato il massimo per creare un prodotto eccellente :)

Da tecnico informatico, non chè appassionato di giochi, non potevi scrivere riflessione migliore!!